Ultime ricette

Non siamo convinti che la causa LaCroix abbia molto merito: ecco perché

Non siamo convinti che la causa LaCroix abbia molto merito: ecco perché


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Prima di buttare tutta la tua acqua frizzante nello scarico, leggi questo.

Fai una rapida ricerca online per LaCroix in questo momento e sembra che il famoso dissalatore frizzante sia in grossi guai. "Ingredienti LaCroix: la causa sostiene che l'affermazione "tutto naturale" è falsa", afferma la CBS. e USA Today è ancora più esagerato: "LaCroix affronta una causa per aver presumibilmente incluso insetticida per scarafaggi nella sua acqua frizzante".

Insetticida?! Che schifo! Ma la tua lattina di Pamplemousse è davvero sospetta? È difficile da dire, ma probabilmente no.

Rimani aggiornato su cosa significa sano ora.

Iscriviti alla nostra newsletter quotidiana per altri fantastici articoli e deliziose ricette salutari.

Primo, intentare una causa non è quasi la stessa cosa di un giudizio effettivo. Tutto ciò che sappiamo al momento è che una donna, di nome Lenora Rice, e lo studio legale che la rappresenta, Beaumont Costales, affermano di aver fatto alcuni test su LaCroix e di aver scoperto che gli aromi non sono naturali. Fino a quando un giudice non determina se la causa ha abbastanza merito per andare effettivamente avanti, e infine, se c'è un processo, con prove effettive, questa non è altro che un'affermazione.

Allora cosa affermano? Ecco il comunicato stampa che Beaumont Costales ha emesso dopo aver depositato la denuncia. Ed ecco le informazioni chiave nel comunicato stampa: "LaCroix ... contiene ingredienti che sono stati identificati dalla Food and Drug Administration come sintetici. Queste sostanze chimiche includono il limonene, che può causare tossicità renale e tumori; il linalolo propionato, che viene utilizzato per curare il cancro e il linalolo, che viene utilizzato negli insetticidi per scarafaggi".

Ok, suona allarmante. Quindi cerchiamo di scavare un po' in quelle sostanze chimiche.

Limonene: secondo il National Institute of Health, questo è un olio che si trova nelle bucce degli agrumi. In quantità sufficiente potrebbe essere in grado di danneggiare i reni, ma troppa acqua può danneggiare anche i reni: mi chiedo perché non l'hanno inclusa?

Foto per gentile concessione di LaCroix

Linaloolo e propionato di linalolo: come afferma il NIH: "Oltre 200 specie di piante producono linalolo, principalmente dalle famiglie Lamiaceae (zecche, erbe profumate), Lauraceae (allori, cannella, palissandro) e Rutaceae (agrumi), ma anche betulle e altre piante..." Menta, cannella e agrumi sembrano... sapori di LaCroix. E la versione proponiata? Trovato nello zenzero, tra gli altri posti.

Ecco la cosa: Queste sostanze chimiche possono essere prodotte sinteticamente. Ma sono anche presenti in natura e sarebbero (francamente) impossibili da rimuovere dagli aromi naturali. Questo significa che LaCroix non ha mai utilizzato ingredienti artificiali? Beh, è ​​difficile da dire. E un giudice potrebbe doverlo esaminare e prendere una decisione sul merito o meno di questa causa.

Ma in entrambi i casi, ciò non significa che la tua acqua frizzante non sia salutare. È ancora una scelta molto, molto più salutare di molte altre bevande, comprese le bibite o la birra.

Quindi, continua a goderti la tua Pamplemousse.


La donna che ha costretto il governo degli Stati Uniti a prendere sul serio gli UFO

Se non fosse stato per il dossier francese, gli UFO potrebbero non aver dominato la vita di Leslie Kean negli ultimi due decenni.

Nel 1999, il giornalista indipendente ha ricevuto uno scoop da un collega francese: un rapporto di 90 pagine sugli avvistamenti di UFO da parte di piloti militari e commerciali. Il documento, intitolato UFO e Difesa: per cosa dobbiamo prepararci? (in francese: Les OVNI et la Défense: À Quoi Doit-On Se Préparer?), fu infine pubblicato da un thinktank militare francese.

“Ho pensato, mio ​​Dio, questo è enorme. Generali e ammiragli dicono che pensano che sia probabile che siamo visitati da navi extraterrestri... Non hanno detto che potrebbero provarlo. Ma hanno detto che è un'ipotesi molto buona per quello che hanno studiato per tre anni", ha detto Kean al Guardian durante una telefonata dalla casa di campagna della sua famiglia in Massachusetts.

“Era solo una storia importante. E se avessero ragione? E se la statura equivalente delle persone in America dicesse quello che stanno dicendo queste persone?"

La scrivania di Leslie Kean. Fotografia: Tonje Thilesen

A quel tempo, Kean era un conduttore radiofonico pubblico in onda a San Francisco. Quando si è avvicinata per la prima volta agli editori, ha evitato di usare la parola UFO a causa dello stigma che circondava l'argomento. Si è aggirata intorno ad esso, riferendosi a un rapporto fuori dalla Francia sul "fenomeno aereo insolito" (UAP). Le ci sono voluti sei mesi per trovare uno sbocco disposto a lavorare con lei, e alla fine ne ha trovato uno sul Boston Globe, anche se il pezzo è stato "pesantemente modificato" con "cose ​​stravaganti e scherzose".

Eppure, da allora in poi è stata agganciata.

“Questo è un argomento come nessun altro. Questo ha una qualità trascendente per me. E quanti giornalisti affronteranno gli UFO? Non molti."

Oggi, l'ipotetica situazione che Kean ha estrapolato dal rapporto francese – di militari e leader di governo statunitensi che parlano apertamente di avvistamenti di oggetti volanti inspiegabili – è arrivata.

Entro il 25 giugno, il direttore dell'intelligence nazionale del Dipartimento della Difesa dovrebbe rilasciare un rapporto non classificato al Congresso, che dettaglia i resoconti degli avvistamenti di fenomeni aerei non identificati (UAP) da parte dei piloti militari, rendendolo il rilascio più trasparente e sostanziale di tali informazioni da parte del governo di sempre reso pubblico.

Nonostante sia profondamente radicata in un argomento marginale per oltre 20 anni, la cosa più strana di Kean è che non sembra strana. La sua narrativa non è quella di un eccentrico lupo solitario che ha lavorato duramente nel mondo del paranormale prima di raggiungere lo stipendio.

“Il mio obiettivo è stato quello di togliere questo dallo strano. Forse è in parte perché non sono strana io stessa", ha detto.

Kean, che ha pregato di darle l'età, si presenta misurato e pratico. Al telefono sfoggia corti capelli ricci e brizzolati, sembra la tua insegnante di scuola elementare. Discende da una delle più antiche dinastie politiche d'America ed è sostenuta da un reddito familiare supplementare. (Ha rifiutato di rivelare l'importo, ma ha ammesso che senza di esso, non sarebbe stata in grado di concentrarsi a tempo pieno sugli UFO.)

A volte, la sua voce assume un timbro di soggezione o eccitazione, anche se non irradia l'energia cinetica solitamente esibita dai giornalisti a New York City, né alcuno zelo evangelico. Quando ho parlato di ufologi, si è irritata. “Non mi piace il termine. Non mi definirei mai così. Sono un giornalista investigativo. Ufologia, almeno in America, queste sono persone che si autoproclamano ricercatori».

(Alla domanda sul poster Voglio credere di X-Files appoggiato contro un muro nel suo ufficio a casa, come quello dell'agente speciale dell'FBI dello show Fox Mulder, ha detto che l'aveva trovato in un mercatino delle pulci a Santiago, in Cile, e l'aveva comprato perché era stupita che fosse apparso lì e le piaceva il modo in cui sembrava.)

L'edificio del Pentagono ad Arlington, in Virginia. Fotografia: Carlos Barría/Reuters

La sua schiettezza potrebbe essere solo la sua personalità, o il risultato degli anni trascorsi a studiare e praticare il buddismo, a partire dal Bard College di New York. Parte di esso potrebbe essere l'isolamento del privilegio. Kean è cresciuto a New York, come uno di quattro figli. Si è diplomata alla Spence, una scuola privata per sole ragazze nell'Upper East Side. Nessuno dei suoi fratelli è interessato alle sue passioni (oltre a scrivere di UFO, Kean ha impiegato quattro anni per scrivere Surviving Death: A Journalist Investigates Evidence for an Afterlife). Ma sono di supporto, ha detto.

A Bard, inizialmente si è laureata in chitarra classica dopo due anni, ha cambiato la sua specializzazione in biologia. Qualunque siano le origini, quella compostezza patrizia le è stata utile durante le sue ostinate indagini.

Dopo il rapporto francese, ci sono voluti anni prima che Kean si aggiornasse. Doveva rintracciare le fonti e la curva di apprendimento per differenziare coloro che erano credibili da coloro che non lo erano era ripida.

“Ho tenuto conferenze stampa e ho intentato una causa contro la Nasa [per ottenere informazioni su un avvistamento del 1965 di un oggetto delle dimensioni di un'auto che si schiantava dal cielo a Kecksburg, in Pennsylvania]. Stavo davvero, davvero lavorando per portare seriamente gli UFO nel mainstream. E l'ho fatto molto", ha detto in una conversazione di follow-up dal suo appartamento di New York questa settimana.

“Non ho avuto problemi con le persone che mi ridicolizzavano. Perché il modo in cui ho riferito su questo, semplicemente non ha invitato al ridicolo. Non ho fatto le strane cose cospirative sensazionalistiche, ho solo fatto cose come quelle che c'è nel mio libro – fonti molto semplici e buone.

Lungo la strada, si è alleata con persone che avevano il potere di aiutarla a proseguire le sue ricerche. Alla fine si è messa in contatto con John Podesta, il capo dello staff di Bill Clinton e un eventuale consigliere di Barack Obama, e un avido sostenitore della ricerca sugli UFO.

Il Pentagono rilascia ufficialmente "video sugli UFO ripresi dai piloti della Marina degli Stati Uniti"

Nel 2007, Kean e James Fox, il regista del documentario The Phenomenon, hanno organizzato un briefing in cui alti funzionari militari e personale governativo hanno discusso di incontri ravvicinati con gli UFO. Ognuno dei 14 oratori aveva solo cinque minuti per raccontare le proprie storie, quindi Kean ha avuto l'idea di far scrivere a ciascuno i propri account e trasformarlo in un libro, che è diventato il bestseller UFO 2010: Generali, Piloti e Funzionari del governo Vai sul Disco. In esso, ha sostenuto per una stanza di compensazione centrale per raccogliere informazioni sugli UFO (Podesta ha scritto l'inoltro, ma ha rifiutato di commentare per questo articolo).

La più grande svolta di Kean è arrivata nel 2017, quando è stata invitata da una fonte di lunga data a incontrare Luis "Lue" Elizondo il giorno in cui si è dimesso da direttore di un programma clandestino del Pentagono che raccoglieva informazioni sugli UFO, l'oscuro programma di identificazione delle minacce aerospaziali ( AATIP).

In sostanza, ha rivelato lo stesso programma per cui aveva fatto pressioni.

Kean ha collaborato con Ralph Blumenthal e Helene Cooper per scrivere il suo scoop per il New York Times, Glowing Auras e "Black Money": il misterioso programma UFO del Pentagono. La storia ha rivelato l'esistenza dell'AATIP dal 2007 al 2012, finanziato da un'iniziativa dell'ex leader della maggioranza al Senato Harry Reid e dei colleghi senatori Ted Stevens e Daniel Inouye.

Reid è un fan sfacciato di Kean. Ha letto tutti i suoi libri e le attribuisce, almeno in parte, la mutevole accettazione culturale degli UFO. “È una giornalista sensazionale ed è un talento eccezionale. Scrive, sembra, con il cuore. Mi dà l'idea che lei intenda ciò che dice", ha detto Reid.

La pubblicazione di quella storia ha cambiato tutto, ha detto Kean. “Ho fatto questo viaggio. Sono stato così gratificato dal vedere come le cose sono cambiate dal 2017”.

Da allora, ha scritto sull'argomento per il New York Times, ha raccolto interviste e ha lavorato a più progetti di documentari. Nel 2018, il regista Lasse Hallstrom e la produttrice Laura Bickford hanno annunciato che stavano realizzando un film basato sul libro UFO di Kean. A maggio, HBO Max ha firmato.

Alla fine, Kean è stato pienamente vendicato. A marzo, la rivista New Yorker ha pubblicato una storia, How the Pentagon Started Taking UFOs Seriously, che presentava il lavoro di Kean in vista del rapporto non classificato. A maggio, 60 Minutes ha mandato in onda un segmento sugli UFO, aggiungendo ulteriore gravità alla conversazione.

Anche Obama è intervenuto durante un'apparizione al The Late Late Show con James Corden il mese scorso.

"Ci sono filmati e registrazioni di oggetti nei cieli, che non sappiamo esattamente cosa siano, non possiamo spiegare come si sono mossi, la loro traiettoria", ha detto Obama a Corden. “Non avevano uno schema facilmente spiegabile. E quindi, sai, penso che le persone prendano ancora sul serio il tentativo di indagare e capire di cosa si tratta".

Il comandante Alex Dietrich, un pilota di caccia in pensione, ha fatto un pellegrinaggio quasi annuale al Pentagono o al Congresso per informare i funzionari su quello che è diventato noto come "l'incontro di Nimitz", che è stato dettagliato nella storia di Kean del New York Times del 2017.

Nel 2004, è stata uno dei tanti piloti che ha visto un oggetto bianco oblungo a forma di Tic Tac e si è mosso più rapidamente di quanto la nostra tecnologia attuale potesse consentire.

“Quel giorno, eravamo preoccupati non solo che potesse essere una minaccia alla sicurezza nazionale. Eravamo appena al largo della costa della California e non siamo riusciti a identificarlo. Non sapevamo se fosse una potenziale minaccia, come da un punto di vista cinetico, o qualcosa che avrebbe fatto del male o un tipo di situazione di spionaggio. Le nostre piume sono aumentate perché eravamo un'unità militare che faceva esercitazioni militari".

Un'immagine catturata da un video non classificato della marina statunitense autorizzato per il rilascio dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti mostra interazioni con "fenomeni aerei non identificati". Fotografia: Dispensa del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti/EPA

Riferendosi al suo addestramento in marina, Dietrich ha aggiunto: “Siamo condizionati a pensare che tutto sia amico o nemico. E quando non saremo in grado di identificarci, daremo per scontato che sia un nemico finché non saremo in grado di dimostrare il contrario".

Ha segnalato il suo incontro subito dopo che si è verificato e da allora ha risposto alle domande di DC. Occasionalmente, le è stato chiesto di guardare altri filmati per confrontarli con ciò che ha visto. Oltre a ciò, non è stata coinvolta nella conversazione sugli UFO: non aveva mai sentito parlare di Kean o di nessuno degli altri giocatori coinvolti. Ha parlato pubblicamente della sua esperienza per la prima volta nella recente intervista di 60 Minutes.

Dietrich, come Kean e Podesta e Reid, sostiene i finanziamenti per lo studio continuo degli UAP.

“È una burocrazia e stanno lavorando entro i confini e le restrizioni di ciò che sono in grado di fare. Parte di ciò significa che devono avere finanziamenti o devono essere in grado di assumere persone per rispondere alla hotline FAA (UAP), dove eseguono l'analisi dei big data e cercano tendenze e dicono, OK, questi rapporti sono simili? Sono fasulli?"

In sostanza, questo è ciò che l'ex direttore dell'AATIP Elizondo ha detto in una chat dal vivo con il Washington Post martedì. Quando gli è stato chiesto se pensava che gli UAP fossero forse aerei sviluppati all'estero dai russi, cinesi o avevano origini extraterrestri, ha risposto con attenzione.

“Attraverso le osservazioni, siamo abbastanza convinti di avere a che fare con una tecnologia multigenerazionale, diverse generazioni avanti rispetto a quella che consideriamo tecnologia di prossima generazione. Qualcosa che potrebbe essere da 50 a 1.000 anni avanti a noi.

"Possono superare, francamente, tutto ciò che abbiamo nel nostro inventario e siamo abbastanza certi di tutto ciò che i nostri avversari stranieri hanno nel loro inventario, quindi, sì, ovviamente come esseri umani tendiamo a cadere nella tana del coniglio della speculazione", disse Elizondo.

“Ho sempre affermato che questo è esattamente il motivo per cui abbiamo bisogno di una task force UAP. In effetti, questo è il motivo per cui abbiamo bisogno di una capacità di governo molto più grande e duratura, perché alla fine della giornata non sappiamo con cosa abbiamo a che fare”.

Kean ha detto di essere rimasta agnostica su quali siano i risultati. "Se c'è un programma che ho, è quello di far uscire la verità, perché sento che le persone hanno diritto a quella verità", ha detto.

“Ciò non significa che stiamo dicendo che sono alieni qui provenienti da altri pianeti. Ma stiamo dicendo che c'è un fenomeno che non può essere spiegato. E ci sono molti dati per dimostrarlo. Infine, ora abbiamo il nostro governo che lo dice. Quindi questo è davvero un momento senza precedenti e non si può tornare indietro".


Licenziamento UBS: le cause legali sui titoli a tasso di fine asta?

Un giudice federale ha stabilito che i querelanti di azioni collettive sui titoli che si sono avvalsi del regolamento regolamentare sui titoli del tasso d'asta di UBS non possono sostenere separatamente le richieste di risarcimento nei confronti di UBS. Ma mentre questa sentenza sembrerebbe rappresentare almeno l'inizio della fine per molti querelanti in posizioni simili, potremmo essere ancora molto lontani dalla fine del contenzioso sui titoli a tasso d'asta, nonostante gli accordi normativi.

UBS era una delle 21 diverse società nominate come imputate nell'ondata di azioni legali su titoli a tasso d'asta intentate nel 2008. I nomi di tutti gli obiettivi di azioni legali su titoli a tasso d'asta sono disponibili qui. I retroscena del caso contro UBS possono essere trovati qui.

In sostanza, i querelanti sostenevano che UBS non avesse divulgato i rischi di liquidità associati ai titoli a tasso d'asta, e non avesse inoltre rivelato che UBS e altri broker-dealer intervenissero regolarmente nel mercato dei titoli per mantenere le negoziazioni e presumibilmente per manipolare il mercato anche. Quando i broker-dealer hanno smesso contemporaneamente di supportare il mercato il 13 febbraio 2008, il mercato dei titoli è crollato e gli investitori sono rimasti con titoli per i quali non esisteva un mercato attivo.

L'8 agosto 2008, UBS ha annunciato un accordo di quasi 20 miliardi di dollari con le autorità di regolamentazione in merito ai titoli a tasso d'asta (a cui si fa riferimento qui). Nell'accordo, UBS ha accettato di riacquistare i titoli dagli investitori al dettaglio al valore nominale o per compensare la differenza con gli investitori al dettaglio che avevano già venduto a meno della pari.

I ricorrenti nel regolamento titoli a tasso d'asta UBS hanno approfittato del regolamento regolamentare e hanno rimborsato i loro titoli alla pari. Gli imputati si sono mossi per archiviare la causa su tale base.

In un parere del 30 marzo 2009 (qui), il giudice del distretto meridionale di New York Lawrence McKenna ha concesso la mozione di licenziamento degli imputati, con il permesso di emendare. Il giudice McKenna ha scoperto che

Dato che i Querelanti si sono avvalsi dell'indennizzo previsto nell'Accordo Regolatorio, i Querelanti non possono ora invocare i danni vivi. Quando i Querelanti hanno deciso di chiedere a UBS di riacquistare i propri ARS al valore nominale, hanno ricevuto un rimborso completo del prezzo di acquisto. Pertanto, i querelanti sono già stati restituiti alla posizione in cui si trovavano prima di acquistare l'ARS e prima che ne derivi qualsiasi frode. ARS.

I querelanti sostenevano di avere diritto ai danni nonostante l'accordo normativo perché gli "atti fraudolenti di UBS" impedivano ai querelanti di ricevere un tasso di interesse o dividendi sufficientemente elevato da compensarli per il rischio di illiquidità associato ai loro investimenti ARS." In sostanza, stavano sostenendo che se avessero fossero stati adeguatamente informati sul rischio di liquidità dei titoli, avrebbero richiesto e sarebbero stati pagati tassi di interesse più elevati o comunque avrebbero goduto di un rendimento dell'investimento più elevato.

Il giudice McKenna ha respinto questo argomento perché i querelanti nelle azioni di sicurezza devono scegliere tra i possibili rimedi, tra rescissione e danni vivi. Avendo scelto la rescissione, i querelanti "non possono ora cercare ulteriori interessi o dividendi come benefici degli acquisti ARS che hanno già scelto di rinnegare".

Infine, il giudice McKenna ha rilevato che gli attori della classe non hanno una legittimazione costituzionale alle rivendicazioni patrimoniali per conto dei "membri della classe che hanno acquistato ARS sottoscritti da UBS da società di brokeraggio diverse da UBS e investitori che si sono trasferiti a un'altra società di brokeraggio ARS che hanno acquistato da UBS prima dell'ottobre 2007".

La sentenza del giudice McKenna potrebbe sembrare suggerire che gli accordi regolamentari rappresentino la fine delle cause legali sui titoli a tasso d'asta. Tuttavia, conclusioni in tal senso potrebbero rivelarsi premature.

In primo luogo, il giudice McKenna ha accolto la mozione con autorizzazione a emendare. Sebbene ci siano ampie ragioni per dubitare che questi querelanti possano eludere le preoccupazioni del giudice McKenna in una memoria modificata, il caso in sé non è ancora finito.

In secondo luogo, altri tribunali potrebbero rifiutarsi di seguire le conclusioni del giudice McKenna. Infatti, in un 31 marzo 2009 AmericanLawyer.com articolo (qui) Alison Frankel cita l'avvocato del querelante del caso UBS che afferma che "non siamo convinti che altri tribunali si pronunceranno allo stesso modo".

In terzo luogo, ci sono ancora le pretese di quegli ex membri della classe che sono stati congelati dal regolamento regolamentare UBS, come quelli che hanno acquistato i titoli a tasso d'asta da un broker non UBS o che hanno trasferito il proprio conto lontano da UBS. Come viene citato anche l'avvocato dell'attore del caso UBS nel avvocato americano articolo, "la chiave del contenzioso sui titoli a tasso d'asta sono i querelanti i cui titoli non sono stati riacquistati dalle banche".

Questa categoria di investitori che sono stati esclusi dagli accordi regolamentari include anche gli investitori che hanno acquistato i loro titoli da banche o intermediari che non hanno ancora inserito accordi regolamentari.

In quarto luogo, in tutti gli accordi regolamentari, gli interessi degli investitori istituzionali sono stati trattati in modo diverso. Ad esempio, nell'accordo UBS, gli investitori istituzionali non possono sperare di ottenere il rimborso del loro investimento almeno fino al 2010. Questi problemi di liquidità degli investitori continuano a dare origine a nuove controversie, ad esempio, ho descritto in un post recente (qui) la causa intentata da KV Pharmaceuticals a fine febbraio nei confronti di Citigroup, in cui la società contestava che l'illiquidità dei propri investimenti in titoli a tasso d'asta costringesse, tra l'altro, la società al licenziamento di lavoratori.

E infine, c'è la categoria separata di contenzioso sorto contro gli investitori di titoli a tasso d'asta, piuttosto che contro i venditori di titoli a tasso d'asta. Questi casi hanno coinvolto società la cui esposizione di bilancio a titoli a tasso d'asta ha danneggiato le loro condizioni finanziarie e che devono affrontare contenziosi da parte dei propri azionisti che affermano che le società non hanno rivelato la loro esposizione. Il più recente di questi casi, che coinvolge la società Perrigo, è discusso qui.

In breve, mentre l'opinione del giudice McKenna rappresenta senza dubbio una pietra miliare significativa, non rappresenta affatto il traguardo per il contenzioso sui titoli a tasso d'asta. Sfortunatamente, questi casi probabilmente rimarranno in circolazione per un po' di tempo a venire.

Detto questo, l'opinione del giudice McKenna fa sperare che gran parte di questi casi possa alla fine essere eliminata e il problema almeno ridotto nel tempo, forse a livelli più gestibili.

In ogni caso ho aggiunto il licenziamento di UBS al mio elenco di accordi, licenziamenti e smentite di mozioni di licenziamento in relazione alle cause relative ai subprime e alla crisi del credito. L'elenco è accessibile qui.

Kevin M. LaCroix è un avvocato e vicepresidente esecutivo, RT ProExec, una divisione di R-T Specialty, LLC. RT ProExec è un intermediario assicurativo focalizzato esclusivamente su questioni di responsabilità amministrativa.


Queste bevande a zero calorie promuovono l'aumento di peso, non la perdita

Sono così felice di vedere che le vendite di Diet Coke e Pepsi continuano a crollare. Sempre più persone si stanno rendendo conto del fatto che queste bevande sono ridicolmente orribili per il corpo e cercano opzioni più salutari. Al loro posto, nuove bevande a zero calorie e acque aromatizzate stanno inondando il mercato e ora stanno occupando un serio spazio sugli scaffali nei principali negozi di alimentari. Alcune di queste acque fruttate e bevande gassate “senza zucchero” vengono promosse come bevande salutari –, ma lo sono davvero?

Sfortunatamente, molti di loro sono pieni di additivi controversi che possono sabotare il tuo peso e la tua salute anche se non hanno calorie, sembrano acqua in bottiglia o hanno elenchi di ingredienti davvero brevi! Diamo un'occhiata più da vicino a cosa c'è in alcuni dei marchi più famosi come Sparkling Ice e Cascade Ice. Li vendono a caso da Costco, ma sono davvero meglio delle bibite?

Queste bevande hanno “zero calorie” perché sono addolcite con sucralosio (un additivo legato al cancro). I colori artificiali in queste bevande (Yellow 5, Red 40 e Blue 1) sono derivati ​​dal petrolio e legati a diversi problemi di salute, tra cui allergie, cancro e iperattività nei bambini. L'Europa richiede che qualsiasi alimento contenente coloranti rechi l'etichetta di avvertenza, "Può avere un effetto negativo sull'attività e l'attenzione nei bambini” , ma questo non è richiesto qui negli Stati Uniti. Se ciò non bastasse, sono anche conservati con Benzoato di Potassio, che può formare il benzene cancerogeno se combinato con la vitamina C (presente in alcuni gusti). Questa è una combinazione tossica in una bottiglia di plastica!

Non lasciarti ingannare da bevande “zero calorie” e acque aromatizzate con ingredienti come questi…

Forse rendono intenzionalmente gli ingredienti così difficili da leggere su una bottiglia di Propel perché sono così orribili!

Propel Acqua Aromatizzata Amarena: Acqua, acido citrico, esametafosfato di sodio, aromi naturali, sale, sorbato di potassio, citrato di potassio, citrato di sodio, acido ascorbico (vitamina C), sucralosio, acesulfame potassio, calcio disodio EDTA, calcio pantotenato (vitamina B5), niacinamide (vitamina b3) , Vitamina E Acetato, Piridossina Cloridrato (Vitamina B6).

I dolcificanti artificiali (a basso contenuto calorico) non ti aiuteranno a perdere peso…

Propel, Nestlé Splash, Dasani Flavored Water, Diet Snapple e PowerAde Zero contengono dolcificanti artificiali come sucralosio, acesulfame potassio o aspartame. Sebbene non abbiano calorie, è stato dimostrato che i dolcificanti artificiali contribuiscono all'aumento di peso incoraggiando il desiderio di zucchero. La ricerca ha scoperto che stimolano l'appetito, aumentano il desiderio di zucchero e promuovono l'accumulo di grasso e l'aumento di peso. I ricercatori dell'Università del Texas hanno scoperto che le bevande a base di dolcificanti artificiali aumentano la circonferenza della vita, che è un fattore di rischio per il diabete di tipo 2. Quando bevi qualcosa di dolce, anche quando non ha calorie, il tuo cervello è indotto a desiderare più calorie perché il tuo corpo non riceve abbastanza energia (cioè calorie) per essere soddisfatto. Quindi continui a desiderare dolci, a mangiare dolci e ad aumentare di peso. Questo è il motivo per cui molte persone non raggiungono mai il loro pieno potenziale di salute o obiettivi di perdita di peso, perché sono costantemente spinte in giro da questi dolcificanti chimici artificiali che ingannano il cervello e il corpo.

Sono anche carichi di conservanti dannosi per la salute

Polifosfato di sodio e esametafosfato di sodio: Questi conservanti sono ricchi di fosforo, che può creare uno squilibrio minerale nel corpo. Quando mangi (o bevi) additivi fosfatici come questi spesso (cosa davvero facile da fare nel nostro mondo di alimenti trasformati) puoi metterti a rischio di danni ai reni, aumento della mortalità, malattie cardiache e invecchiamento accelerato.

Calcio Disodio EDTA: Questo conservante è composto da formaldeide, cianuro di sodio ed etilendiammina... ahimè! È davvero qualcosa che vuoi bere ogni giorno? Ha la capacità di accumularsi nel corpo, diventando più tossico se lo bevi per diversi giorni di seguito, il che potrebbe portare a problemi di salute. È anche noto per ridurre la capacità del corpo di assorbire le vitamine (rendendo tutte quelle vitamine del gruppo B aggiunte a Propel piuttosto inutili).

Sorbato di potassio : Questo conservante ha dimostrato di essere genotossico per i globuli bianchi, che potrebbe portare al cancro. È stato anche dimostrato che induce danni al DNA se combinato con la vitamina C (questa combinazione è in Propel).

Acido citrico : Sebbene questo si trovi naturalmente nel limone e in altri frutti, l'additivo utilizzato in queste bevande è tipicamente derivato da muffe prodotte con mais OGM (non dalla frutta). Il consumo frequente è legato ad un aumento della carie e può anche irritare l'intestino.

L'eritritolo è un dolcificante sicuro?

Bai, Core, Hubert's Diet Lemonade, Blossom Water e Vitamin Water Zero sono addolciti con l'eritritolo di alcol zuccherino. Questo dolcificante può devastare i batteri intestinali sani, che possono portare a tutta una serie di malattie e se stai cercando di perdere peso o rimanere magro, mantenere il tuo intestino sano è vitale!

L'eritritolo è anche noto per causare diarrea, disturbi di stomaco, mal di testa se consumato in "quantità normali", è un potente insetticida e può anche aumentare l'appetito proprio come fanno i dolcificanti artificiali, quindi finirai per mangiare più cibo. La ricerca della Cornell University mostra che il corpo metabolizza l'eritritolo e associa alti livelli di eritritolo nel sangue all'aumento di peso, il che ha generato più studi.

Sebbene questo sia uno zucchero naturale che a volte si trova nella frutta, i produttori di alimenti in realtà non usano la roba naturale. Invece di solito iniziano con mais OGM (a meno che non venga verificato biologico o non OGM) e poi lo sottopongono a un complesso processo di fermentazione per ottenere eritritolo chimicamente puro.

Alcuni marchi hanno versioni che contengono solo due ingredienti: acqua e aromi naturali.

Queste bevande sono migliori di una Diet Coke – ma sono davvero così pulite come sembrano? Cerco di evitare i sapori naturali, soprattutto se sono in qualcosa che consumerei spesso e in grandi quantità – come una bevanda.

Perché dovresti evitare di bere "Sapori naturali"…

  • Ogni aroma naturale può contenere fino a 100 ingredienti, inclusi prodotti chimici sintetici come il glicole propilenico solvente, il conservante BHA e ingredienti derivati ​​da OGM (a meno che non siano stati verificati progetti organici o non OGM).
  • Gli ingredienti negli aromi naturali sono considerati proprietari e non divulgati né sull'etichetta né a un cliente che chiede –, quindi non hai idea di cosa ci sia dentro.
  • Gli aromi naturali possono essere derivati ​​da qualsiasi cosa in natura, comprese le parti di animali. L'unica differenza tra aromi naturali e artificiali è che gli aromi naturali derivano da cose che si trovano in natura (come le ghiandole del castoro).
  • Possono anche contenere legalmente sottoprodotti del "glutammato" presenti in natura che agiscono come MSG, che è un'eccitotossina. Le eccitotossine rendono il cibo irresistibile da mangiare ma possono causare ictus, morbo di Alzheimer, morbo di Parkinson, obesità, emicrania, affaticamento e depressione.
  • Gli aromi sono progettati per creare dipendenza e aumentare le voglie di cibo, contribuendo a quello che David Kessler (ex capo della FDA) chiama un "carnevale alimentare" in bocca. Ingannano la tua mente nel volere sempre di più. Le grandi aziende alimentari stanno dirottando le tue papille gustative una per una e riempiendo le loro tasche aziendali mentre acquistiamo più prodotti con questi avvincenti sapori sintetizzati al loro interno. Se hai un aumento del desiderio di cibo mentre ingurgiti bevande ricche di aromi naturali, potresti voler dare un'occhiata più da vicino a ciò che stai bevendo.

La causa Hint Flavored Water sta esponendo i sapori naturali per quello che sono realmente

Sebbene l'etichetta degli ingredienti su Hint Flavored Water affermi solo acqua purificata e aromi naturali, Hint è stato citato in giudizio perché le loro bevande contengono glicole propilenico – un ingrediente sintetico. Il glicole propilenico è uno degli ingredienti nascosti che è stato (e può ancora essere) utilizzato nei suoi aromi naturali e non ha bisogno di essere elencato sull'etichetta. Questo risale al mio punto che ogni volta che bevi qualcosa con aromi naturali, non è necessariamente naturale e non sai cosa c'è veramente nella bottiglia.

LaCroix afferma che i loro aromi non contengono ingredienti artificiali, ma non hanno alcun obbligo di rivelare esattamente cosa contengono, quindi dobbiamo solo crederci sulla parola.

“Non c'è alcun obbligo legale di rivelare cosa c'è nel sapore naturale. So customers have no choice but to believe companies when they say they don’t use artificial additives in their flavors.”

I don’t consider it safe to drink out of cans often because of the BPA that is usually present in them. This is what LaCroix says about the presence of BPA in their cans, which I don’t find reassuring, especially since I know how inefficient the FDA is at setting “guidelines” for the chemicals in our food…

“All LaCroix products meet the guidelines set by the FDA and are completely safe to drink. Recently, media reports have raised questions about the use of bisphenol A (BPA) by can and bottle manufacturers. While can linings may contain trace amounts of BPA to prevent spoilage and protect food and beverages from direct contact with the can, these trace amounts are virtually eliminated during the curing process.”

I personally prefer the taste of a real squeeze of lemon or fruit juice in my water over anything that is found in these drinks – they just taste artificial to me and I like to know exactly what I’m drinking.

I feel like if something tastes like lemon, then it should actually contain lemon! And it honestly just takes two seconds to squeeze some fresh lemon juice (or grapefruit or whatever fruit you’d like) into sparkling water and know exactly what you’re drinking. That’s not to mention all the nutrients that you are getting from the lemon juice as well…because natural flavors may have zero calories , but they also have zero nutrition e fornire zero benefici alla salute .

What you are drinking is as important as what you are eating every day.

My main go-to drink is plain filtered water. I filter my own water at home and always carry a stainless steel or glass container of filtered water around with me – to the gym, in the car, to meetings, and even to some restaurants! Drinking toxin-free water makes a major difference in the way I feel and I consider it a vital part of my everyday life. But, it can be boring to just drink water all the time! These are some other healthy drinks I personally enjoy:


Published: 00:01 BST, 1 June 2014 | Updated: 00:01 BST, 1 June 2014

TV host and radio presenter and model Jameela Jamil

Fashion insiders Henry Conway and Marissa Montgomery

Thomas Cook's Harriet Green and Rubies in the Rubble's Jenny Dawson

Whistles chief executive officer Jane Shepherdson

In a business class of their own

To the Claridge’s Ballroom, which was resplendent in a certain shade of Veuve Clicquot orange for the champagne’s Business Woman of the Year Award, an event that never fails to turn every woman in the room into a would-be entrepreneur – or was that the 2004 vintage talking? In what is one of the year’s most inspiring nights, game-changing women were celebrated in style: Thomas Cook CEO Harriet Green got the top gong, while the founder of ethical chutney firm Rubies in the Rubble Jenny Dawson won the New Generation Award.


When Christians Jesus-ed Correctly, In Theory Anyway &mdash and Why.

Christians who want harder Jesus-ing usually think there was some mythical earlier time that Christians Jesus-ed correctly. They&rsquove fallen prey to their religion&rsquos propaganda about its earliest days, what I call the myth of Original Christianity .

As an example of what I&rsquom talking about, check out that blog post about &ldquothat one simple fix.&rdquo Their source, Phil Cooke, tirelessly checked out Christians&rsquo propaganda about their religion&rsquos history, mistook it for reality and trufax, and decided that Christianity had spread so totally quickly because Christians Jesus-ed hard enough to impress everyone:

[Phil Cooke sez:] &ldquoWe&rsquove gone from a culture where Christians were ignored to one where they are openly ridiculed.&rdquo [. . .]

From angry responses to politics, boycotts and petition drives, nothing has stopped the transformation of the culture away from biblical sentiment.

&ldquoNone of these things we&rsquove tried have worked,&rdquo he said.

Well, neither has what he suggests, which is for Christians to &ldquostart showing the fruit of the spirit in your life.&rdquo (People are more likely to know it&rsquos only happening for salesmanship purposes &mdash or perhaps think that Christian has taken up vegetarianism .)

He&rsquos very sure that Christians used to Jesus really hard. And he mistakenly thinks that&rsquos why the religion spread so quickly originally. ( LOLno .)

So if Christians begin Jesus-ing really hard again, he reasons, then obviously they&rsquoll get the same effects that those earliest Christians had!


Zevia Zero Calorie Soda, Cola

Say hello to the first stevia soda! It's a good thing the parents who founded Zevia wanted healthier sodas for their kids to drink because now we have another scale-friendly option to add to our shopping list. This was the first soda brand to use stevia, combining the leaf extract with citric acid, carbonated water, and natural flavors. Don't let the word "acid" scare you citric acid is a safe additive that's naturally found in many fruits, and all of these ingredients add up to a yummy, sometimes caffeinated, zero-calorie soda. So chug another one if you're parched — there sono 14 flavors to choose from after all.


Pricey renovations may have yielded only short-term gains for O'Charley's

Upgrading a restaurant's look is one way of getting customers to pause and take another look at a brand they're already familiar with. While this can certainly work, it can also be a very pricey move where the influx of customers through the door may not balance out the cost of the renovations.

In 2012, O'Charley's announced that they would be giving their restaurants a face-lift that was going to set them back around $40 million to complete the nationwide upgrade. The cost was expected to be between $200,000 and $250,000 per restaurant with each location featuring the new logo and signature rooms dubbed "The Porch," "The Piedmont," and "The Charles." Oooh, fancy!

Pretty quickly, O'Charley's was calling the upgrades a winning decision with the chain showcasing one location that saw a 20 percent jump in customers. That's certainly nothing to scoff at, but then again, that was just one of the early renovations. How well those renovations fueled sales in the long-term though is debatable. Just a few years later, the chain was still grappling with underperforming restaurants with the restaurant's parent company still looking for what they called the "right monetization path." That's business talk for "our sales are slipping year after year and we're not sure how to fix it."


Rum and Coconut Water

Combine the golden rum* and fresh coconut water** in a Collins glass, then add 2 to 3 ice cubes, stir, and serve forth.

* You want something subtle, so as not to overpower the delicate flavor of the coconut water. A Trinidadian rum such as Angostura 1919, Royal Oak, or Fernandes 19 is ideal, if you can find it otherwise, any light-bodied golden rum will work fine.

** Okay. Take your green coconut, hold it up to your ear, and shake it. If there's an answering slosh, grip it by the bottom, take your machete, and swiftly hack off the top with an upward movement, cleverly avoiding slicing off your fingers. One coconut should yield enough water for a bunch of drinks, but we recommend you open at least two before you start in on the rum. (You don't want to be messing with machetes later.) Or, you can get it in a can: CaribbeanRums.com has Grace Coconut Water (our favorite brand) at $5.99 for a 6-pack -- enough for at least a bottle of rum. The canned stuff generally has little bits of coconut pulp in it you might want to strain these out.

The Wondrich Take:

There are tropical drinks and tropical drinks. There's the kind that's tall and fruity and colored like a denizen of a steamy, bug-ridden, mangrove-congested bird sanctuary. These babies usually call for nine ingredients and a bartender who's been to hospitality school. They also, eleven times out of twelve, suck: overripe, sickeningly sweet, and never, never cold enough. Feh! We discard them. Then there's the kind that's drunk by people who actually live in the tropics, rather than flying down there on a five-day package tour. A recent trip (five-day, package) to the undoubtedly tropical island of Trinidad gave us an object lesson in both.

We checked into our promisingly tiki-style hotel, deposited our luggage and -- visions of the island's once-famous Rum Swizzles dancing through our heads -- made a beeline for the pool bar. A request for "something long and cool with rum and lime juice" -- elicited the hoped-for answer: "How about a Trinidad Swizzle?" God's in his heaven and all's right with the. hold on a sec, what's this? Rum and lime juice okay but then vodka, a humongous gob of grenadine, hefty shots of two different Technicolor fruit juices, a few cubes of rapidly melting ice, and a Grand Marnier float. What's worse (as if anything could be), it's not even a Swizzle. Those, you see, require long and vigorous stirring -- a step our bartender, and we use the term loosely, deems entirely unnecessary. Not a single stir.

But Trinidadians, we soon discovered, don't hang out at fancy American hotel bars. They "lime" (as they say) at joints with names like Baby Love Bar, Little Folks Pub, the Cool Spot, and the Albino Cafe. Funky, open-air establishments where mixology is reduced to its most elemental state: a + b + c = your drink, where un = ice and B = rum. Per risolvere C, you've got four choices: (1) club soda, (2) Coca-Cola, (3) artificially colored fruit punch (okay, nobody's perfect), (4) fresh coconut water. We'll check box 4 -- it's not only the most characteristic, it's far and away the best. When mixed with the suave, smooth rums the locals favor, the juice of the green or "young" coconut is as delicious -- light, refreshing, vaguely nutty, and completely unlike anything else you've ever tasted -- as it is mysterious.

Here's the thing of it: folks all around the Caribbean favor this ultimate hot-weather tipple (the coconut water's even supposed to be an excellent sports drink), and yet nobody else has heard of it. Well, almost nobody. The occasional traveler may mention it in passing, and there's that bit in The Night of the Iguana where Tennessee Williams uses the "rum-coco" as some sort of metaphor for decay. (But what doesn't he use for that?) But it's not in any bar or bar book we know of. We're convinced that this has nothing to do with the availability of coconut water. America imports fresh mussels from New Zealand,, for Chrissake. How hard could it be to fetch a few fresh coconuts from just south of Miami? Besides, you can get the stuff in cans. No, it's gotta be a conspiracy. The Tonic Water Trust, the Margarita Mixers, the Sangria Gang, the Cola Crew, all the summer-drink folks in it together to keep the green coconut down. Sappiamo. We've heard them. Parlando. Whispering. We've heard them.


Now what

National Beverage disagrees with the criticism, of course. In a public statement, CEO Nick Caporella waxed downright poetic about LaCroix's purity.

"Naturally Essenced is not a marketing ploy, but rather a core product element! Our marketing, as is the case with all that we do, is centered on profoundness, innovation and creativity," Caporella wrote. "Our Cult, our Consumer, our Love and our LaCroix are. Genuinely Natural! Our Way is Tastefully. Sparkling!!"

The court of public opinion may settle the matter before the legal system ever does. Meanwhile, National Beverage's stock trades at a fizzy 35 times free cash flows. I wouldn't be surprised to see share prices fall a bit further, especially if the company's next earnings report (due in early December) confirms Susquehanna's analysis and/or National Beverage loses its "natural ingredients" label by legal edict.


Guarda il video: Siamo di jazz 4K, commedia, dir. Karen Shahnazarov, 1983. (Luglio 2022).


Commenti:

  1. Zulkijin

    Ben fatto, che messaggio eccellente

  2. Shet

    È piacevole, questo pensiero deve essere proprio di proposito

  3. Calfhierde

    Mi congratulo, che messaggio eccellente.

  4. Kaden

    Mi è piaciuto il post, scrivere di più. Mi piacerebbe leggerlo.

  5. Vomuro

    Non prenderti a cuore!

  6. Nikoshakar

    Sì, un articolo abbastanza interessante.



Scrivi un messaggio